La Manipolazione tra fascino e inganno

La Manipolazione potrebbe essere definita un’arte che il più delle volte emerge come dote  nella persona che la possiede e che, una volta  riconosciuta in sè, viene esercitata e applicata per lo più nei rapporti sociali ed affettivi. La provocazione nel definire la  Manipolazione come Arte  , definizione  utilizzata in modo ovviamente sarcastico, è finalizzata per spiegare meglio il perchè di tanto successo per chi sviluppa una personalità  dotata  della capacità di affascinare , di convincere, di attrarre pur senza un supporto qualitativo di base. Questa cosidetta arte, infatti,  è in realtà una delle più alte forma di inganno che possiamo  ritrovare tra gli individui .Due sono le fonti ,o più precisamente le forti spinte, che inducono alla manipolazione: il desiderio di avere potere sull’altro e al tempo stesso il riuscire a mascherare l’assoluta pochezza del proprio essere. Manipolare significa convincere anche che il fumo abbia una sostanza, condizionare a fare scelte che mai  sarebbero state prese in considerazione, indurre a far compiere atti anche contrari o al proprio volere o ai personali principi, riuscire ad  affascinare con un comportamento che confonda, seduca ,abbindoli senza chiedersi se la persona che lo sta compiendo meriti davvero tanta attenzione e considerazione . La persona manipolatrice ha necessità di porre in atto mezzi continui di condizionamento sull’altro perchè il suo scarso valore , di cui è perfettamente consapevole , si deve nutrire dell’evidente  potere ottenuto sull’altro. Cosi il senso di vittoria avvertito ,generalmente con una certa esaltazione, illude la persona di essere migliore, anzi la migliore. In realtà , schermare continuamente la propria mediocrità ricoprendola di successi effimeri o di vittorie ottenute in molti casi a danno dell’altro comporta uno sforzo continuo di proteggere ciò che si nasconde al suo interno. Per ottenere una migliore schermatura ed offuscamento vengono utilizzati diversi mezzi che possono assicurare il controllo dell’altro inteso come strumento in suo potere. Innanzi tutto per ottenere una migliore manipolazione si cerca di conoscere i punti deboli dell’altro , ciò che a quel tipo di persona o , nel caso della massa,  manchi o desideri in quel dato momento o periodo per poi fare promesse grandiose, fingendo una sicurezza al limite dell’onnipotenza, producendo bugie  che tengano l’altro in un’attesa continua che qualcosa di speciale  prima o poi accadrà. In molti casi inoltre per rafforzare l’effetto della manipolazione  si fa scattare  un aggancio con i sensi di colpa della o delle persone che si vogliono controllare per averli in pugno ,facendo credere loro che ogni fatto negativo che accade dipenda da loro , negando ciò che di cui si potrebbero accorgere e mistificando cio’ che potrebbe trapelare rispetto alla  mediocrità celata dietro la finta facciata che presentano in modo cosi eccelso. Tutto questo nel tempo sgretola le sicurezze dell’altro lasciando posto ad una dipendenza da colui o colei che trasmette sicurezza , che confonde con la sua arte oratoria e fa sentire al centro del mondo. Il passo poi per diventare strumenti utili per compiere atti senza far esporre la persona manipolatrice a  responsabilita’ e conseguenze e’ breve . Si puo’ diventare strumenti per fini di qualsiasi genere , personali , di coppia , sociali, lavorativi . E chi fosse caduto nella rete della manipolazione senza esserne diventato uno strumento diretto  non potrebbe credere alle richieste di aiuto di chi tenta di far capire la vera origine di colui o colei che appare cosi superiore agli occhi dei tanti e invece e’ capace di far tanto soffrire. E’ cosi che donne con figli si separano dall’uomo che ha fatto loro violenza psicologica e molti le condannano per una separazione incomprensibile da parte di una mamma, uomini lasciano la propria compagna dopo anni di una violenza subdola e sottile e  ricevono subito critiche pesanti da chi crede che quella donna sia una debole sottomessa, tradita e abbandonata solo perche’ e’ una donna, persone denunciano soprusi nel lavoro e nessuno arriva a pensare che dietro la facciata del loro superiore si nasconda invidia e competizione e cosi via….. Di esempi ce ne potrebbero essere tanti. L’attivita’ manipolativa ha solitamente fini di tipo negativo , dannosi per l’altro  perche’ alla base di essa  c’e’ il principio dell’esercizio  della dominanza e del controllo attraverso abilita’ delle piu’ svariate ma mai legate ad un vero senso di liberta’. Potremmo descrivere la Manipolazione  con un’unica frase che racchiuda in se’ tutto il suo significato “la pochezza schermata dall’abilita”della mistificazione” .   Se poi volessimo anche dare un giudizio a  questo esercizio di potere in rapporto al successo ottenuto potremmo parlare di  grande abilita’ ,se invece volessimo definirlo in base  al valore del Rispetto umano potremmo chiaramente proclamarlo come uno esempio emblematico di Fallimento personale!

Dottssa Stefania Iade Trucchi

2 Comments

  1. antonio paolino

    Buongiorno dottoressa, ho avuto modo di sapere di lei per un caso fortuito, le spiego, in questi giorni mi è capitato di leggere, sulla bacheca di una persona, l’articolo “La manipolazione tra fascino e inganno”, ne sono rimasto colpito e l’ho trovato anche interessante, questa persona l’ha fatto passare come un suo pensiero, ma conoscendo la capacità espressiva di tale persona assieme ad una cara amica siamo risaliti alla vera autrice del testo, viene da se capire che ho voluto saperne di più della vera autrice, e devo dire, in quel poco che fino al momento sono riuscito a leggere, sono rimasto affascinato dalle tematiche che lei tratta. Continuerò ad approfondire con interesse i suoi scritti, intanto le faccio i miei più complimenti e le auguro buone vacanze.
    con ammirazione cordialmente le porgo i miei saluti
    Antonio Paolino

    • Uscire dalla violenza di stefania jade trucchi

      Buonasera,
      La ringrazio molto.
      Auguro Buone vacanze anche a lei.
      Distinti saluti
      S.i.Trucchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *